LOTTO SISTEMI

Super vertice di Bruxelles


Lo sapevate che ventiquattr’ore dopo l’esito del super-vertice di Bruxelles - che ha dato disco verde alle ricapitalizzazioni bancarie via “fondi salva-Stati”, è scaduto il termine ferreo posto lo scorso dicembre dall’Eba per alzare al 9% il “core tier 1”, il principale coefficiente patrimoniale che valuta la solidità delle banche. L’esito di quello “stress test” era stato titolo di prima pagina in tutt’Europa: erano interessate una novantina di banche, tutte le maggiori, alcune con pagelle pesanti e “compiti a casa” impegnativi. Il conto totale presentato dalla giovane autorità bancaria comunitaria, presieduta dall’Italiano Andrea Enria, ammontava a 115 miliardi di richieste di ricapitalizzazione. A parte il caso-Grecia (30 miliardi minimi di fabbisogno per il sistema ellenico, travolto dal “default tecnico” del debito sovrano interno), la Spagna con 26 miliardi e l’Italia con 15 capeggiavano la “lista nera”. Fra i gruppi iberici, spiccava il gigante Santander (15 miliardi), mentre poli minori come Bankia presentavano situazioni apparentemente meno problematiche (un paio di miliardi). In Italia veniva invece chiesto a UniCredit uno sforzo da 7,9 miliardi (più del doppio di quanto raccomandato a Deutsche Bank), seguito da Montepaschi (poco meno di quattro miliardi), mentre azioni immediate venivano perentoriamente indicate anche per Ubi e Banco Popolare. A fine 2011 i mercati stavano sviluppando il massimo della loro pressione speculativa sull’Italia (la Spagna, che aveva indetto elezioni politiche anticipate, veniva considerata più stabile) e nessun tipo di “scudo” era in agenda - neppure in via teorica - per il sistema bancario: il braccio di ferro già in corso dall’estate fra la Germania “rigorista” e il resto d’Europa verteva ancora esclusivamente sui debiti pubblici e sull’attivazione dei meccanismi “anti-spread”. Come sono andate dopo le cose è ancora quasi cronaca, ma forse val la pena di rammentarlo in breve: abbiamo già visto con quale rapidità d’impatto mediatico il “revisionismo storico-finanziario” ha agito nel portare al 2009-2010 (crisi greca e instabilità dell’euro) il tempo-zero e le radici della crisi sistemica originata nel 2007-2008 dal crac della finanza derivata a Wall Street (primi revisionisti: il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il gestore-guru George Soros). UniCredit ha annunciato quasi immediatamente un aumento di capitale (il secondo dopo il crac Lehman) da 7,5 miliardi. L’operazione è stata condotta in porto già in gennaio: in Borsa, raccogliendo mezzi freschi.

Superenalotto

SuperEnalotto



SuperEnalotto is a 6 from 90 game that offers huge jackpots every Tuesday, Thursday and Saturday. All draws are held at 8pm in Italy, but participation in this lottery game is now open to players all over the world, thanks to the ability to buy SuperEnalotto tickets online.

SuperEnalotto is the most popular national lottery game in Italy, and is played by millions of players each and every week. Launched in December 1997 by a private company (Sisal SpA), SuperEnalotto replaced the earlier Enalotto game that had been played since the 1950’s. In 2009 the SuperEnalotto jackpot topped the €100 million mark and produces jackpots of record breaking proportions quite often. Unlike many other lotteries around the globe there is no cap on the amount of times that a Superenalotto jackpot can rollover; the main reason that such large jackpots are achieved for this lottery.

You can take part in Superenalotto by purchasing your tickets online from anywhere in the world. To take part in this hugely popular lottery, click the "play now" button or visit the buy official tickets page.